Il futuro edilizio puo’ essere solo ecosostenibile. Chi sceglie oggi e’ gia’ avanti!

Passivhaus, l’edilizia sostenibile tra presente e futuro
Scritto il 3 novembre 2017 da Francesco Bevilacqua/ in Abitare, Articoli
Tags: case passive, consumi energetici, edilizia, passivhaus
Costruite per la prima volta in Germania nel 1990, le abitazioni Passivhaus garantiscono il benessere termico senza che sia necessaria l’installazione di alcun impianto di riscaldamento di tipo “convenzionale”. Per saperne di più di questi edifici e della situazione attuale del settore delle costruzioni abbiamo intervistato Francesco Nesi, direttore nazionale Istituto ZEPHIR.

Tra qualche anno in Italia (entro il 2019 per edifici pubblici ed entro il 2021 per edifici privati) sarà obbligatorio costruire solo edifici a energia quasi zero (nZEB). Qual è attualmente la situazione del settore delle costruzioni e cosa distingue una casa convenzionale da una Passivhaus? Ne abbiamo parlato con Francesco Nesi, direttore nazionale Istituto ZEPHIR (Istituto di fisica edile accreditato come partner di riferimento in Italia per Passivhaus) che introdurrà la 5° Conferenza Nazionale Passivhaus in programma il 25 novembre a Bologna.
L’opportunita’ di vivere in una casa sostenibile rappresenta anche una garanzia di risparmio economico a lunga durata.
PER INFO :  catia.gianni@virgilio.it        cell: 3274699291

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *